Ho avuto paura.
Oggi mi vesto d'aria
e scavo la terra
con le mani
tra le radici smosse.
Tutta l'acqua che
posso portare.
Tutto il tempo che
posso vivere.

  Ho avuto paura
Il pupazzo
Dal soffio d'un vento di pioggia
Dici che ci conosca
Troppo tardi per creare ricordi
Sulle facciate luce della sera

[Indice[1] [2 [3 [4]  [5] [6]

[Amore che ci ha visti vivere] [Canteranno le cicale tra poco] [L'Arca dell'Alba] [L'angelo muschioso]


[back]

Il pupazzo
ha perso le parole. 

Ha lacrime bianche 
come cera 
ed un pallor di farina. 

Lo scenario 
è invaso dalle nebbie.

Fantasmi nel silenzio 
spengono i lumi 
e serrano le tende. 

Bave di vento freddo 
dai fondali. 

Gli specchi 
non riflettono nessuno.

[back]

Dal soffio d'un vento di pioggia,
nell'ora degli orologi fermi,
sottratto il tempo al reale suono,
eco che scandisce la memoria,
obbediremo a leggi sconosciute.

Inavvertito mondo che disegna,
invalicate soglie, ardenti, intatte,
essenze astratte in infiniti spazi.

[back]

Dici che ci conosca,
che sappia di noi,
che ci somigli,
in qualche terrena cosa?

Docili, se non graffiamo,
resta un poco aperta la rete.

Sui campi spalancati quando c'è la luna
trattenendo il fiato,
siamo convinti di non fare rumore.

Saggiamo le bacche più scure.

E quando il sole scivola all'orizzonte
non sappiamo del mattino.

[back]

Troppo tardi per creare ricordi
impunemente tradirò le strade
che non conosco.

A camminare tranquilla nei sogni,
sicura presenza nei vuoti del tempo,
andrò, abbacinata
nell'onnipresente sole.

[back]

Sulle facciate luce della sera.
Ritmicamente un carretto scende
e ritorna dalla piazza al pozzo.
Singoli suoni alle consuete case,
vivi sipari nel passaggio d'ore.
Parole mascherate tra le voci,
rifugi nella terra che si oscura.
Segnali di chiarori tra le mura.

[Amore che ci ha visti vivere] [Canteranno le cicale tra poco] [L'Arca dell'Alba] [L'angelo muschioso]


Copyright © 2002 by adrianaivul.it - Tutti i diritti riservati