Neve sui tetti.
Ali levate a ingioiellare case.
Filo gelato al vento,
teso tra i fumi,
accordi di camini,
stelle e cristalli.
Naufraghe nubi nuove
solcano il cielo.

   

Neve sui tetti
Il vicolo è invaso d'acqua
Se cercassi mai di dirti
Vite terrestri sconosciute al sole 
Surprise

[Indice[1] [2 [3]  [4]  [5] [6]

[Amore che ci ha visti vivere] [Canteranno le cicale tra poco] [L'Arca dell'Alba] [L'angelo muschioso]


[back]

Il vicolo è invaso d'acqua.

Quel poco di veste che stringi
rallenta l'inseguire dei gorghi.
Le stesse pieghe chiare dentro il fiume.

Turbini sui lampioni iridescenti.

Inchiodo le mie immagini nel tempo.

[back]

 

Se cercassi mai di dirti
quel che di te non può essere detto,
che silenziosa, invisibile,
aleggia a te d'intorno la realtà
di quel che sei,
tale a un sorriso o un sospiro,
che dentro me comprendo,
non troverei altro modo
che prenderti la mano laboriosa,
tacendo e nella quotidiana vita
sperarti accanto ancora
così, vera, a lungo.

[back]

Vite terrestri sconosciute al sole,
diastole di conchiglie levitanti.
Farfalle ingioiellate sui coralli,
astri che s'attraversano, e colori
che il buio spegne in iridate spire
lunghe di bolle, in infinito mare.
Anima d'alba avvampa, e cede 
alla marea che cresce tra le ghiaie.
Spirito solo delle stesse cose.

[back]

Surprise


Mi vuoi guadagnar la mano
e sbuffi nell'ingoiare il vento
su larghe distese ardenti, vive,
imbrillantate di nevi ghiacce.
Possente il cielo rotola sui pini,
l'anime in fuga a battiti confusi,
in orme falcate da incendiati passi.

[Amore che ci ha visti vivere] [Canteranno le cicale tra poco] [L'Arca dell'Alba] [L'angelo muschioso]


Copyright © 2002 by adrianaivul.it - Tutti i diritti riservati