Notte senza sonno.
Attesa di un'alba cieca.
Caldo della tua mano
allentata nel buio.
Frammenti di ore sonore.

Notte senza sonno
Cupole sacre nei risvolti d'ombre
Senza chiedere nulla
Potrò mai abbastanza amarti
Flessuoso, qualcosa di me
E' il nome che piaceva a tuo padre

[Indice[1] [2[3]  [4]  [5] [6]

[Amore che ci ha visti vivere] [Canteranno le cicale tra poco] [L'Arca dell'Alba] [L'angelo muschioso]

[back]

Cupole sacre nei risvolti d'ombre,
caldi damaschi rossi e lievi cere.
Nicchie d'argenti e voci lievi a soffi.

Qui mi tenevi forte per le mani
- le vene come scuotere di canne -.

S'adempie il tempo e sento a riguardare
lo stesso che sognai trasfigurato.

La prima volta che t'amai ripenso.
Porpora ed oro ai piedi degli altari.
Un grande fiume scende ingigantendo.

[back]

Senza chiedere nulla,
solo tornare vorrei
nel chiostro silenzioso.

Fermi sotto le logge
i nostri passi.

Ardirei pregare
senz'esserne capace.
Perché si suole dirlo,
a grande voce,
questo tripudio
che si chiama amore.
Quando per certo c'è
e l'eternità 
è tutta chiusa 
nelle mie parole.

[back]

Potrò mai abbastanza amarti?
Per l'acquiescenza alla vita
che impone per ogni cosa
un tempo e un luogo,
male si addice in lei 
l'inesauribile bene
che ti porto.

Quest'insaziato esistere
non basta e mi sgomenta.
Non per quest'anni miei
che riconosco vivi solo ora;
nell'effrazioni pazienti
delle ore, sei tu che non vedo
e non respiro. Poco è lo spazio
per dirti quanto mi resta ancora.

[back]

Flessuoso, qualcosa di me,
in un'alchimia di stati,
rapido si disgiunge
dalla morbidità della tua essenza,
quando, entro le connessioni della carne,
sussulta quella voce 
fatta dello stesso mistero della terra.
Voce che non conosci,
o che, non tramite me, conoscerai,
mi trae e fa possesso illimitato.

L'ininterrotto battito d'ali,
mussole di nastri rosa,
attende ch'io mi regali, come sempre.

Nutro e accudisco ancora:
ordine fondatore della vita.
Radice tu mi sei perchè compatta
trovi me stessa nel venir meno
entro cui mi chiudo.

Mi eludi il tempo, legando
il precedente e il successivo
nella costellazione della vita.

Usurate le cose di sempre io non ripeto:
ricognizione di eventi
soltanto a te mi porta.

Più rarefatta sento l'esistenza.

[back]

E' il nome che piaceva a tuo padre,
musicale, e a te non piace.

La tortura di cui ricolmi i giorni
e inesorabilmente t'infliggi,
non ti concede che dure cose.

Si distorceva nel suono il chiamare
dai vicoli delle violenze giovani
dei nati con gli amaranti pruni.

La mia voce ha sovvertito il senso
delle strade che fuggono all'inverso
nel labirinto incessante.

Battono aperte le tue piccole mani
sull'uscio, giocando, mentre t'aspetto
e canto in mezzo al grano.

[Amore che ci ha visti vivere] [Canteranno le cicale tra poco] [L'Arca dell'Alba] [L'angelo muschioso]


Copyright © 2002 by adrianaivul.it - Tutti i diritti riservati